Sa die de s’ammentu

image

 

Oe nanch’est su die de s’ammentu

De s’isterminiu ‘e su popul’ ebreu

De cussu su nazzismu fit su reu

Tottu su munnu l’ad’a iscrammentu,

ed est in attu in custu momentu

un ater’isterminiu a parrer meu

in Palestina onzi die est in attu

però die ammentu no nan fattu.

 

De cussu no si deved faeddare

Prite nissunu lu deved’ischire

Sos sionistas sighin’a bocchire

O impresonan pro los torturare,

tottu sun’impegnados a cuare

prite in craru no deved bessire

gai sempre sos nazzi sionistas

sighin’in sas issoro impresas tristas.

 

A los intennere paren troppu onos

E osannados sun’in donzi logu

Nissunu ided canno sos colonos

Chin zent’intr’a sas domos ponen fogu,

Brusian criaduras in su rogu

Poi festeggian chin cantos e sonos

Biden domos e crios brusiados

Ma s’incras che sun tott’ismentigados

 

Cantos ateros crimines sa bidu

Non pare beru manc’a lu contare

Bombardad’e sighin’a bombardare

Iscolas, ispidales han sighidu,

No essende cuntentos han bocchidu

Criaduras intentas a bagnare

E gai in numen’e sa democrazia

Tottu che passad’in cavalleria.

 

Gonariu Tilocca

Burgos

 

A margine di questa poesia un commento di Moni Ovadia sulla giornata della memoria di quest’anno.

Il giorno della memoria, a mio parere, è progressivamente diventato un’occasione per esibire retorica e purtroppo falsa coscienza. È stato spogliato del suo statuto di universalità, è stato polarizzato strumentalmente sulla shoah e talora israelianizzato per ragioni altrettanto strumentali. Questo è un danno anche alla memoria dello sterminio degli ebrei. Perché nei luoghi dell’orrore sono stati sterminati esseri umani. Il giorno della memoria non ha senso se non edifica una memoria futura perché non accadano più questi orrori. Se non edifica una società di uguaglianza e di pace, e se non si misura anche con gli stermini che sono accaduti sotto i nostri occhi, per esempio quelli delle cosiddette guerre umanitarie che hanno fatto centinaia di migliaia di morti innocenti e il grande sterminio dei migranti che ha fatto del Mare Mediterraneo una fossa comune.

Moni Ovadia, alla trasmissione “Pane quotidiano”, 27 gennaio 2016

Leave a Reply